Cause e tipologie

Che cos’è la vitiligine

La vitiligine è un disordine dermatologico che causa la formazione di macchie bianche sulla pelle dovute all’inattivazione della cellula deputata alla produzione di melanina (il melanocita).
Colpisce circa l’1% della popolazione mondiale senza significative differenze di sesso ed etnia.
Nel 50% dei casi compare prima dei vent’anni, spesso dopo eventi psico-emozionali rilevanti, ustioni o abrasioni cutanee.
Le macchie bianche sono ben circoscritte e caratterizzate da un bordo normalmente iperpigmentato, ma talora ipopigmentato (vitiligine tricoromica). In genere compaiono frequentemente su mani, viso e genitali, anche se non esiste una regola in proposito.
Questo disagio è in alcuni casi associato a disturbi tiroidei (iper o ipotiroidismo), anemia perniciosa, malattia di Addison, diabete giovanile e altri disturbi autoimmunitari. Si è notato, inoltre, che il 30% dei soggetti con vitiligine riferiscono spesso che i loro familiari sono anch’essi affetti da vitiligine a significare un legame genetico.

Il problema principale della vitiligine è che comparendo spesso in zone esposte (viso, collo, mani) causa nel soggetto che ne è affetto reazioni psicoemotive anche molto rilevanti, talora addirittura condizionanti la modalità di interazione con il contesto familiare e sociale. Per questo, l’approccio terapeutico deve essere sempre convincente, competente ed empatico. Molte sono le terapie che si propongono come soluzione alla vitiligine cercando di portare ad una graduale ripigmentazione delle aree colpite.

Diverse ricerche scientifiche condotte da Università italiane e internazionali hanno dimostrato che il Gold Standard per la cura della vitiligine è la Microfototerapia di ultima generazione.

Con una strumentazione innovativa, che stimola solo le zone affette da vitiligine escludendo quelle sane, il sistema BIOSKIN EVOLUTION® emette un fascio di luce fredda che va a stimolare i melanociti compromessi, permettendo così di ridurre il contrasto tra la cute sana e quella affetta da vitiligine. A differenza di altri tipi di cure, BIOSKIN EVOLUTION® ha il vantaggio di non provocare effetti collaterali, come bruciore e prurito, né durante la seduta né nei giorni successivi e di non portare il paziente ad assumere farmaci, se non l’applicazione topica di gel a base di capsaicina e peperina coadiuvante il fisiologico processo di riattivazione melanocitaria come comprovato dalle ultime evidenze scientifiche.

Cause della vitiligine

Non è ancora del tutto chiara quale possa essere l’origine della vitiligine. Le ultime ricerche scientifiche parlano di una dermatosi dovuta a piccoli problemi, probabilmente di natura genetica, che vanno a compromettere organi autoimmunitari come la tiroide.

Nella vitiligine, infatti, è evidente questo aspetto in cui il sistema immunitario attacca il proprio organismo, in questo caso il melanocita, cellula il cui scopo è quello di produrre la melanina e quindi la colorazione naturale della pelle.

Mancando questo importante fattore, le parti attaccate rimangono bianche. A conferma di una patologia autoimmunitaria, è da notare la presenza nei soggetti affetti da vitiligine di altre malattie autoimmuni che, però, seguono un decorso proprio.

La vitiligine è oggi interpretata come una sindrome dermatologica nella quale diversi fattori causali, correlati o indipendenti, portano alla scomparsa dei melanociti, le cellule che producono melanina e cioè il naturale colore della pelle, in soggetti geneticamente predisposti.

I fattori implicati nella distruzione dei melanociti sono:

  • Processi autoimmunitari
  • Processi neurobiologici
  • Processi ossidativi melanocitari anormali
  • Processi di modificazione biochimica del microambiente
  • Processi infettivi

Tipologie vitiligine

La vitiligine viene suddivisa in 3 tipologie principali:

la vitiligine bilaterale, la vitiligine segmentale e la vitiligine perinevica.

La classificazione si basa sulla distribuzione delle macchie bianche della pelle.

Vitiligine Bilaterale
La vitiligine bilaterale è la forma principale che comprende circa il 90% di tutti i tipi di vitiligine.
In questa tipologia le macchie bianche di vitiligine sono disposte in maniera simmetrica sulla parte destra e sinistra del corpo del paziente (quindi ad esempio su tutte e due le mani, le ginocchia ecc).
La vitiligine bilaterale viene a sua volta suddivisa in base al numero delle macchie, le parti del corpo in cui compare, la grandezza della superficie bianca. Questo tipo di classificazione ha un valore prettamente descrittivo e non incide su come può evolvere la malattia nel tempo.

Si parla quindi di:

  • Vitiligine acrofacciale quando le macchie compaiono solo alle estremità e nel viso.
  • Vitiligine generalizzata quando le macchie rappresentano più del 70% della superficie corporea.
  • Vitiligine focale quando le macchie sono numericamente ridotte e in genere non cambiano molto nel tempo.

Vitiligine segmentale
La vitiligine segmentale rappresenta il 10% di tutte le forme di vitiligine. Nella vitiligine segmentale le macchie bianche della pelle compaiono solo in metà del corpo del paziente (solo a destra o solo a sinistra) e sono disposte come se seguissero un loro percorso.

A volte, si è riscontrato pazienti affetti sia da vitiligine bilaterale che segmentale.

Vitiligine perinevica
La vitiligine perinevica è una tipologia abbastanza rara nella quale le macchie di vitiligine partono in maniera centrifuga da un neo andando a formare una macchia bianca tutto intorno al neo stesso.
Se si trovano isolati nel corpo del paziente i nei vengono chiamati halo nevo di Sutton da colui che per primo li studiò.

Il fenomeno è spesso visibile in pazienti affetti da vitiligine bilaterale.

iStock_00s0058898052_Large

iStock_000046276704_Larg

iStock_000026969604_Large

La Vitiligine non è più un problema. Curarla si può.

error: Content is protected !!