Camouflage

Importanza del Camouflage

La vitiligine, per le persone che sono affette, è un vero handicap sociale. L’inestetismo può essere tanto evidente da indurre nelle persone curiosità o reazioni che limitano le relazioni sociali e rendono chi ne soffre schivo, prostrato o ansioso, cambiando a poco a poco il modo di vivere, le abitudini, i rapporti interpersonali.

I dermatologi sono prevalentemente orientati verso la diagnosi e il trattamento delle lesioni, ma si trovano anche a dover affrontare il problema del danno estetico provocato dalla vitiligine, che porta a volte a conseguenze psicologiche devastanti in chi ne soffre.
Ecco quindi la necessità di intervenire, anche durante la terapia della vitiligine, con il camouflage, validissimo aiuto per chi soffre di mancanza di pigmento: con la corretta applicazione di prodotti appositamente formulati si ottiene una colorazione naturale che si può intensificare a piacere, dura svariati giorni, non viene modificata dall’acqua, dalla pioggia o dal sudore e salvaguarda l’aspetto naturale della pelle.

Esistono in Italia da più di 20 anni una serie di prodotti coprenti e coloranti appositamente concepiti per colorare in modo naturale la pelle acromica: a seconda del caso si sceglie tra lozioni autoabbronzanti in diverse tonalità, lozioni a colorazione immediata, creme colorate autoabbronzanti e cover creams.
Non vi sono regole o formule fisse che valgono per tutti nella scelta iniziale del prodotto da usare, in quanto ogni individuo presenta caratteristiche di colore sue proprie e anche sulla stessa persona un prodotto o un colore che è perfetto sul collo può non essere adatto sulla mano o sul dorso.

Le cover creams sono creme colorate in svariati colori-base, la cui azione coprente è garantita dall’ossido di ferro e dal diossido di titanio, da cera d’api e da altre sostanze non evaporanti che permettono una buona aderenza del prodotto alla cute.

Dalla gamma dei colori si scelgono le tonalità adatte (possibilmente non sotto la luce artificiale) e con i polpastrelli delle dita (per macchie piccole) o con la spugnetta leggermente inumidita (per zone vaste) si applica la crema sulle parti da correggere sfumando per circa 1-2 cm intorno a questa zona.
Non c’è spessore, la copertura sarà un velo delicato e verrà resa water-proof con l’applicazione dell’apposito talco fissativo e dello spray fissante, che lascia un aspetto più lucido, estivo, molto naturale.
Per la detersione esiste l’apposito remover, in quanto acqua e sapone puliscono in modo difficoltoso e insufficiente.

Gli autoabbronzanti in lozione o in crema appositamente concepiti per la vitiligine colorano la pelle acromica all’istante. La colorazione si può intensificare a piacere  e riflette il colore della propria pelle.
La pseudo-abbronzatura che si ottiene dura diversi giorni, resiste ai lavaggi, al nuoto, alla pioggia, non sporca gli abiti o le lenzuola.
Anche in questo caso la tecnica di applicazione è determinante per avere un risultato praticamente perfetto.

Ecco quindi l’importanza del camouflage per aiutare a risolvere i problemi che sul piano personale sono provocati da un aspetto sfigurante dalle macchie bianche sulla pelle.

La Vitiligine non è più un problema. Curarla si può.

error: Content is protected !!